Infortunio a scuola: che fare?

Di primo impatto, ognuno di noi è portato a individuare nella scuola e nella figura dell’insegnante la responsabilità di un infortunio del bambino o studente.

Ma è sempre così? Quando si può chiedere un risarcimento?

Infortunio a scuola: quando spetta il risarcimento

Indubbiamente, la scuola e gli insegnanti hanno nei confronti degli alunni un obbligo di custodia e vigilanza sulla loro sicurezza e incolumità. Questo non significa che non vi siano mai incidenti: può sempre accadere che uno studente cade, si ferisce o riporti altri traumi.

Per pretendere un risarcimento, però, è necessario che sia effettivamente dimostrabile che l’incidente sia avvenuto durante l’orario scolastico e per causa o colpa dell’istituto, ovvero per un difetto di condotta di quest’ultimo che poteva e doveva impedire l’evento.
Naturalmente, la scuola ha sempre la possibilità di dichiararsi non responsabile se è in grado di dimostrare che il fatto è avvenuto indipendentemente dalla vigilanza dovuta e operata e in circostanze tali da renderlo assolutamente imprevedibile e inevitabile.

E quando lo studente è maggiorenne? In questo caso è difficile prevedere un risarcimento, in quanto la legge lo riconosce un soggetto capace di intendere e di volere e dunque in grado di badare a se stesso (lo stesso vale per gli studenti prossimi alla maggiore età).

Infortunio a scuola: come richiedere il risarcimento

Se non c’è accordo fra le parti sarà necessario rivolgersi a un legale; diversamente, se la scuola ammette le proprie responsabilità, è consigliabile chiedere una copia della relazione sui fatti redatta dall’insegnante presente al momento dell’incidente. Successivamente occorrerà inviare all’istituto una richiesta formale di risarcimento indirizzata al preside stesso.

Oltre all’assicurazione obbligatoria Inail, infatti, ciascun istituto stipula una seconda assicurazione integrativa il cui premio è a carico dei genitori e che si occuperà del risarcimento di quest’ultimi in caso di incidenti la cui colpa ricade sull’istituto scolastico.

Continua a seguirci sul nostro blog: ogni settimana, tante informazioni utili e news per essere sempre aggiornato.

Risparmio in crescita, boom durante il lockdown

Risparmio in crescita, boom durante il lockdown

Una ricerca Fabi ha tracciato un quadro completo dei salvadanai delle famiglie italiane, registrando a fine 2019 una crescita decisiva di risparmi e investimenti, con un incremento di 45 miliardi rispetto al 2018. Si tratta specialmente di liquidità sui conti...

Aziende e lavoratori: ripartire in serenità

Aziende e lavoratori: ripartire in serenità

C’è chi non ha mai interrotto l’attività, intervenendo fin da subito per adattare il luogo di lavoro alle esigenze di sicurezza, chi invece ha ripreso gradualmente dal mese di giugno adottando soluzioni miste di presenza negli uffici, chi infine ha...