Quali responsabilità per l’amministratore di condominio?

L’amministratore di condominio è responsabile non solo penalmente ma anche civilmente del risarcimento del danno arrecato al terzo in caso di caduta di calcinacci.
Quali responsabilità?

L’amministratore professionista, nel momento in cui assume l’incarico da un condominio, deve esaminare bene lo stato del fabbricato e verificare se è in “pericolo di rovina“, in quel caso occorre che si chieda come procedere alla relativa messa in sicurezza e, in seguito, riportare il fabbricato allo stato antecedente al “pericolo di rovina”, ma molte volte questo aspetto viene trascurato.

Dall’altra parte, intraprendere un’iniziativa volta ad incrementare l’entità delle quote condominiali periodiche, con ulteriori riguardi in merito all’incremento di un fondo cassa funzionale che conceda l’esecuzione di questi lavori, in genere non gli permette di “riscuotere” successo tra i suoi “mandanti”.

Impedire, comunque, l’accesso ad una area del fabbricato dove è presente un “pericolo di rovina”, privando del parcheggio taluni e/o tutti condòmini, ad esempio, pare non gli giovi in termini di popolarità (specie, in prossimità, dell’assemblea che abbia ad oggetto la sua conferma).

Spesso però simili misure si rilevano necessarie, se non imprescindibili per la sua stessa sopravvivenza professionale ed economica. Cosa si potrebbero rischiare, infatti, se non procede in questi termini?

Ebbene, secondo la Suprema Corte, egli rischia una condanna penale con tutti i peggiori risvolti dal punto di vista “accessorio”: sia in ordine sia alla perdita dei requisiti di onorabilità della carica (articolo 71 lettera b), sia in ordine agli aspetti patrimoniali.

In questa logica sono molto importanti le coperture assicurative condominiali; particolare attenzione deve essere posta ai massimali di RCTerzi, elevandoli a un minimo di € 3 milioni.

I nostri collaboratori sono disponibili per le verifiche delle coperture in essere e preventivi con le compagnie Aviva – Axa – Allianz – Zurich – UnipolSai.

Fonte http://www.condominioweb.com/caduta-di-calcinacci-amministratore-responsabile.12404#ixzz40E3olzbb