Legge Bersani: genitore e figlio non convinenti

Il cliente A vende la sua autovettura intestata al pra e con una sua attestazione di rischio; nel frattempo ne acquista una nuova cointestandola a se stesso (A) e al figlio B non convivente. In questo caso è possibile utilizzare il decreto Bersani con l’attestazione del cliente A e mettere come contraente polizza il figlio B ?

La casistica presentata non consente la possibilità di usufruire della classe di merito prevista dalla Legge Bersani che, ricordiamo, dà la possibilità di utilizzare la classe di merito più favorevole presente nello stesso nucleo familiare.

Purtroppo nel caso sopra indicato il veicolo è cointestato a due persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare (cliente A e figlio B non sono conviventi) e il veicolo a cui fa riferimento l’attestato di rischio non è più circolante né assicurato.

Nè tantomeno è possibile usufruire di quanto previsto dal Regolamento ISVAP n. 4, art. 8, comma 5 in quanto la proprietà del veicolo passa da un solo proprietario ad una pluralità di proprietari, evento non previsto dall’Allegato 2, Regole Specifiche, lettera g dello stesso Regolamento.”

Per le migliori informazioni chiama i nostri uffici al numero verde 800.820.820  e chiedi un incontro per una consulenza assolutamente gratuita.

Vacanze 2020: italiani in cerca di tutele

Quella del Covid-19 sarà un’estate incerta, sia per quanto riguarda le regole del distanziamento sociale sia per la situazione economica, che ha portato alcune aziende a decidere di non chiudere durante il mese di agosto. Secondo una recente indagine di...

Polizze anti-calamità: nuova detrazione fino al 90%

La novità è contenuta nel DL Rilancio 2020 e introduce ulteriori benefici in tema di polizze contro i rischi per calamità naturali e catastrofali, ovvero quella tipologia di contratti assicurativi che coprono i danni a cose e persone arrecati da...