Liti condominiali frequenti? Ecco come evitarle

C’è chi parcheggia sempre l’auto fuori posto, chi ascolta la musica o la tv ad alto volume fino a tarda ora, chi ingombra gli spazi comuni con le proprie cose, fino al bucato sgocciolante, gli sbattimenti di tovaglia, i cani che abbaiano e i bambini che corrono e gridano in cortile.

Difficile stilare una lista dei casi più comuni, ma quel che è certo è che il numero delle liti condominiali non è mai in diminuzione, dal momento che, secondo dati Eurostat, la maggior parte degli italiani vive in condominio.

Liti condominiali: il ruolo dell’amministratore di condominio

La soluzione migliore sarebbe quella di tentare prima di tutto la strada della diplomazia. Non è così scontato che mostrarsi amichevoli e tolleranti non possa portare a risultati positivi e a un miglior rapporto e rispetto reciproco.

Se questo non basta, però, c’è sempre la possibilità di mediazione tramite il proprio amministratore di condominio, a cui ci si può rivolgere nel caso in cui ci siano evidenti violazioni del regolamento condominiale, legate al vivere in comune, o dell’utilizzo delle aree comuni. Non è tenuto a intervenire in caso di screzi privati tra i condomini, ma può comunque essere una figura di riferimento a cui chiedere consigli per evitare che il rapporto peggiori e possa degenerare in cause legali.

Liti condominiali: come evitare stress e spese legali

Se per fortuna la maggior parte delle liti condominiali si risolve senza arrivare davanti un giudice, c’è però ancora un buon numero di procedure civili che hanno ad oggetto proprio le controversie tra vicini di condominio, che arrivano a ricoprire il terzo posto dopo quelle in ambito lavorativo e famigliare.

Ciò significa cadere in lungaggini burocratiche e in una serie di spese legali che possono arrivare anche a 3 mila euro, cifra che può facilmente aumentare se l’altra parte si oppone o presenta ricorso.

Se la via del dialogo non ha funzionato, un modo sicuro per evitare stress e preoccupazioni è quello di affidarsi a polizze assicurative appositamente sviluppate per queste circostanze, grazie alle quali si potranno vedere rimborsate eventuali spese legali sostenute.

Hai bisogno di ulteriori indicazioni sull’argomento? Continua a seguirci sul nostro Blog e contattaci per una consulenza gratuita al numero 800.820.820 o alla mail info@roveda.it.

[button link=”https://www.roveda.it/contatti/” size=”large”  icon=”” color=”alternative-1″ lightbox=”false” align=”center”]Richiedi Informazioni[/button]

Vacanze 2020: italiani in cerca di tutele

Quella del Covid-19 sarà un’estate incerta, sia per quanto riguarda le regole del distanziamento sociale sia per la situazione economica, che ha portato alcune aziende a decidere di non chiudere durante il mese di agosto. Secondo una recente indagine di...

Polizze anti-calamità: nuova detrazione fino al 90%

La novità è contenuta nel DL Rilancio 2020 e introduce ulteriori benefici in tema di polizze contro i rischi per calamità naturali e catastrofali, ovvero quella tipologia di contratti assicurativi che coprono i danni a cose e persone arrecati da...