Polizze sanitarie in crescita: chi le ha le consiglia

Come abbiamo già sottolineato in un precedente articolo, nonostante il nostro Sistema Sanitario Nazionale sia uno tra i più efficienti al mondo, le difficoltà della sanità pubblica sono sempre più evidenti.

Questo spinge sempre più famiglie a ricorrere a strutture private: secondo una recente ricerca di KPMG, entro il 2023 la spesa per prestazioni sanitarie private aumenterà di oltre il 50%.

Le prestazioni private sono però anche più costose e il numero di italiani che si affidano a polizze sanitarie integrative è in costante crescita: se nel 2016 erano 11 milioni, si stima che entro il 2025 saliranno a 21 milioni.

Polizze sanitarie: chi le ha stipulate le consiglia

Chi si assicura lo fa per avere un più rapido accesso alle prestazioni, essere libero di scegliere fra le migliori strutture, godere di un’assistenza domiciliare e telefonica continua e ottenere un rimborso delle spese sostenute per prestazioni mediche, interventi chirurgici, ricoveri e accertamenti diagnostici.

Secondo un sondaggio di Deloitte presentato a gennaio 2020, la soddisfazione presso coloro che hanno già sottoscritto una polizza assicurativa salute appare pienamente positiva: il 76% dei clienti attuali, infatti, dichiara che consiglierebbe la sottoscrizione ad amici e parenti.

Stai ancora cercando la polizza sanitaria più adatta a te? Contattaci al numero 800.820.820 o alla mail info@roveda.it: grazie alla collaborazione con le migliori Compagnie assicurative, sapremo guidarti verso il prodotto più in linea con le tue esigenze.

Risparmio in crescita, boom durante il lockdown

Risparmio in crescita, boom durante il lockdown

Una ricerca Fabi ha tracciato un quadro completo dei salvadanai delle famiglie italiane, registrando a fine 2019 una crescita decisiva di risparmi e investimenti, con un incremento di 45 miliardi rispetto al 2018. Si tratta specialmente di liquidità sui conti...

Aziende e lavoratori: ripartire in serenità

Aziende e lavoratori: ripartire in serenità

C’è chi non ha mai interrotto l’attività, intervenendo fin da subito per adattare il luogo di lavoro alle esigenze di sicurezza, chi invece ha ripreso gradualmente dal mese di giugno adottando soluzioni miste di presenza negli uffici, chi infine ha...