Tamponamenti a catena: chi è ritenuto responsabile?

È il periodo delle preparazioni affrettate per Natale, delle ricerche affannose dei regali, del “Cosa preparo per il pranzo di Natale?” o del “Cosa gli regalo?”: insomma, il countdown per il 25 Dicembre è iniziato ma paradossalmente quel periodo in cui tutti ritorniamo un po’ bambini si trasforma all’improvviso in uno stato di irrequietezza, apprensione e distrazione.

E che dire del traffico e del viavai di auto che si crea intorno alle nostre città, specialmente nel weekend? È proprio in queste situazioni che non dobbiamo dimenticarci di tenere alta l’attenzione alla guida, dal momento che è più probabile che si verifichino tamponamenti, anche fra più auto. Ma siamo certi di sapere su chi ricadrebbe la responsabilità nel caso sfortunato di restarne coinvolti?

Tamponamenti a catena: chi risarcisce? 

Siamo d’accordo col dire che per tamponamento si intende l’urto della parte anteriore di un veicolo contro la parte posteriore di quello che lo precede e che avanza verso la stessa direzione di marcia sulla strada. Di norma, la responsabilità è attribuita al conducente del veicolo che ha riportato l’urto nella parte anteriore, in quanto si presume una sua violazione delle regole di velocità e distanza di sicurezza.

Diverso è però il caso in cui il tamponamento coinvolge più autovetture: per individuare le responsabilità è infatti necessario distinguere tra i tamponamenti avvenuti tra veicoli in movimento e quelli accaduti tra veicoli fermi in colonna.

Nel primo caso, la responsabilità è attribuita in egual misura ad ogni conducente per i danni causati al veicolo che stava davanti, sempre per inosservanza della distanza di sicurezza. L’unica possibilità che hanno i conducenti per essere ritenuti non responsabili è quella di dimostrare di aver fatto tutto il possibile, una volta tamponati, per evitare di urtare il veicolo davanti, come prova di aver rispettato le distanze.

Nel caso invece di veicoli incolonnati perché, per esempio, bloccati nel traffico o in coda a un semaforo rosso, la responsabilità ricade all’ultimo veicolo, ovvero quello che ha generato il primo tamponamento, che dovrà quindi rispondere anche di tutti i tamponamenti successivi da esso originati.

Sei rimasto coinvolto in un tamponamento? Scopri come comportarsi in caso di sinistro e contattaci per informazioni alla info@roveda.it o al numero 800.820.820.

Richiedi Informazioni