Welfare aziendale: la sfida e le opportunità

Un recente rapporto offre spunti interessanti su presente e futuro del welfare italiano, e sul ruolo sempre più influente del mondo delle imprese.

Come sta cambiando il welfare italiano? Gli ultimi anni di pandemia stanno modificando gli assetti, mettendo in luce problematiche già note e proponendo nuove sfide: questo l’argomento del Quinto Rapporto sul secondo welfare, a cura del Laboratorio Universitario Secondo Welfare dell’Università degli Studi di Milano.

Se lo Stato è tornato protagonista dell’arena del welfare, mettendo in campo risorse e competenze lasciate per anni in secondo piano,  al contempo appare ormai chiaro che gli attori del cosiddetto secondo welfare – aziende, fondazioni, sindacati, associazioni datoriali, consorzi, enti non profit e gruppi informali di cittadini – non hanno fatto passi indietro, ma anzi sono diventati sempre più importanti per rispondere efficacemente a rischi e bisogni sociali, e dunque per dare il loro importante contributo al benessere dei cittadini.

Ma quali sono i vantaggi per le aziende? L’adesione dell’azienda a un piano di welfare (che può comprendere coperture sanitarie, piani di formazione..)  coniuga attrattiva, produttività e vantaggi fiscali.

I piani di welfare sono un importante strumento sempre più utilizzato dalle aziende per offrire benefit ai propri dipendenti. Promuovere il benessere e la soddisfazione del lavoratore significa mettere in moto un circolo virtuoso: lavoratori appagati e in grado di ben bilanciare vita privata e professionale saranno risorse in grado di lavorare con maggiore produttività e contribuiranno alla creazione di un clima aziendale più disteso e sereno.  È in questo modo che le aziende aumentano anche la propria attrattiva, migliorando la capacità di attrarre e trattenere le migliori risorse e limitando il turnover.  

A ciò si aggiunge la convenienza fiscale, grazie alle agevolazioni previste dallo Stato: il Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) individua somme e valori che, se erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendente, non concorrono alla formazione del reddito per il dipendente e sono deducibili dal datore di lavoro ai fini IRES. Inoltre, bisogna considerare il risparmio dovuto all’azzeramento del prelievo fiscale e contributivo su beni e servizi.

Fonti: secondowelfare.it, assinews.it, pensionielavoro.it

Contattaci

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

2023: in viaggio!

Già dalle prossime vacanze invernali si tornerà a pianificare viaggi con più serenità. Tra le cose da mettere in valigia, non dimentichiamo la nostra polizza travel. Già a partire da queste vacanze di Natale si prospetta una ripresa completa dei...

Se non allacci la cintura scendi dalla macchina!

Spesso i conducenti ignorano la responsabilità e le pesanti conseguenze in cui potrebbero incorrere nel caso in cui i passeggeri non indossino la cintura di sicurezza Marco, Ivan e Stefano escono per trascorrere una serata tra amici. Salgono sulla macchina...