Welfare aziendale: la sfida e le opportunità

Un recente rapporto offre spunti interessanti su presente e futuro del welfare italiano, e sul ruolo sempre più influente del mondo delle imprese.

Come sta cambiando il welfare italiano? Gli ultimi anni di pandemia stanno modificando gli assetti, mettendo in luce problematiche già note e proponendo nuove sfide: questo l’argomento del Quinto Rapporto sul secondo welfare, a cura del Laboratorio Universitario Secondo Welfare dell’Università degli Studi di Milano.

Se lo Stato è tornato protagonista dell’arena del welfare, mettendo in campo risorse e competenze lasciate per anni in secondo piano,  al contempo appare ormai chiaro che gli attori del cosiddetto secondo welfare – aziende, fondazioni, sindacati, associazioni datoriali, consorzi, enti non profit e gruppi informali di cittadini – non hanno fatto passi indietro, ma anzi sono diventati sempre più importanti per rispondere efficacemente a rischi e bisogni sociali, e dunque per dare il loro importante contributo al benessere dei cittadini.

Ma quali sono i vantaggi per le aziende? L’adesione dell’azienda a un piano di welfare (che può comprendere coperture sanitarie, piani di formazione..)  coniuga attrattiva, produttività e vantaggi fiscali.

I piani di welfare sono un importante strumento sempre più utilizzato dalle aziende per offrire benefit ai propri dipendenti. Promuovere il benessere e la soddisfazione del lavoratore significa mettere in moto un circolo virtuoso: lavoratori appagati e in grado di ben bilanciare vita privata e professionale saranno risorse in grado di lavorare con maggiore produttività e contribuiranno alla creazione di un clima aziendale più disteso e sereno.  È in questo modo che le aziende aumentano anche la propria attrattiva, migliorando la capacità di attrarre e trattenere le migliori risorse e limitando il turnover.  

A ciò si aggiunge la convenienza fiscale, grazie alle agevolazioni previste dallo Stato: il Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR) individua somme e valori che, se erogati dal datore di lavoro alla generalità dei dipendente, non concorrono alla formazione del reddito per il dipendente e sono deducibili dal datore di lavoro ai fini IRES. Inoltre, bisogna considerare il risparmio dovuto all’azzeramento del prelievo fiscale e contributivo su beni e servizi.

Fonti: secondowelfare.it, assinews.it, pensionielavoro.it

Contattaci

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Preziosi e pregiati: al sicuro, in casa e fuori

Possiamo tutelarci non solo se lasciamo i nostri beni più preziosi in casa, ma anche se sono momentaneamente in custodia presso artigiani o esercenti, vittime di rapine o furti. IL QUESITOValeria è finalmente in ferie e guida in autostrada verso...

La prevenzione? Si fa con la polizza salute

Sempre in crescita l’interesse nei confronti delle polizze sanitarie, in particolare per quei prodotti che offrono servizi innovativi legati alla prevenzione e che si interfacciano con i canali digitali. Un dubbio da risolvere subito, la necessità di un consulto telefonico...