Assicurati contro i danni elettrici da fulmine

I danni elettrici da fulmine o temporale sono una delle cause di sinistro più ricorrenti in questo periodo dell’anno.

Nella stagione estiva, infatti, i fulmini rappresentano il pericolo principale per le linee elettriche: sbalzi di tensione, scariche elettriche, sovratensioni o cortocircuiti possono comportare seri danni agli impianti e ai circuiti elettrici di un edificio, così come agli elettrodomestici e apparecchi della casa ad esso collegati.

Danni elettrici da fulmine, cosa fare? 

Durante un temporale un fulmine genera un cortocircuito che danneggia l’impianto elettrico della tua casa e guasta il tuo televisore.

Il danno è di circa 8.000 euro, tra costi di riparazione dell’impianto e costi per sostituire il televisore.

Per richiedere l’intervento della tua assicurazione dovrai inviare:

  • la documentazione fotografica del danno
  • la dichiarazione di un professionista che certifichi la causa del danno e la sua irreparabilità
  • la fattura per le spese da te sostenute di riparazione o nuovo acquisto del bene.

Ricorda che normalmente la polizza prevede il rimborso al netto della franchigia prevista dal contratto assicurativo.

Se sei alla ricerca di una protezione in caso di danni provocati da fulmini, richiedi maggiori informazioni contattandoci al numero 800.820.820 o alla mail info@roveda.it.

[button link=”https://www.roveda.it/casa/” size=”large”  icon=”” color=”alternative-1″ lightbox=”false” align=”center”]Richiedi Informazioni[/button]

Turismo esotico? Sì, ecco come!

Se siete amanti delle vacanze invernali in mete esotiche, i corridoi turistici Covid free e le polizze assicurative travel sono ottimi strumenti che permettono di viaggiare in sicurezza. Vacanze all’estero? Non è impossibile farlo in sicurezza, anche in tempo di...

Long Term Care: la serenità per il nostro futuro

La perdita dell’autosufficienza è una prospettiva che spaventa più dell’invecchiamento in sé: per questo è meglio pensarci e tutelarsi per tempo. Gli Italiani hanno paura di invecchiare? Può sorprendere, ma la risposta in realtà è “non molto”. Solo il 35%...