Calamità naturali e danni da acqua: la tua casa è al sicuro?

Il clima non è più lo stesso. Negli ultimi anni la frequenza delle calamità naturali è aumentata: nel 2018 sono state calcolate in totale 281 catastrofi, terremoti esclusi, e si tratta soprattutto di alluvioni, inondazioni, frane, uragani e incendi.

Ma quello che fa più paura è anche l’impatto di questi eventi: è stato dimostrato che uragani e tornado sono aumentati non solo in numero ma anche in intensità, generando conseguenze sempre più disastrose.
L’Italia è fra i primi 10 Paesi con le maggiori perdite economiche dovute a danni da disastri naturali, perdite che negli ultimi 20 anni hanno registrato un aumento del 151% anche a causa dell’alto rischio di dissesto idrogeologico che caratterizza il nostro Paese.

Calamità naturali e danni da acqua: consapevolezza e protezione

Secondo un’indagine di Generali Italia, solo il 40% delle imprese e il 3% dei privati sono assicurati dall’eventualità di subire danni da catastrofi naturali.
C’è infatti ancora un grande divario fra rischi reali e rischi percepiti, e in molti sono convinti che esista un obbligo di risarcimento dei danni a carico dello Stato.

È ancora necessaria un’azione di sensibilizzazione sul tema e sull’importanza della prevenzione: anche nei casi meno estremi di allagamenti e bombe d’acqua l’acqua può entrare e danneggiare la nostra attività o abitazione in molti modi, anche semplicemente attraverso parti dell’immobile non in perfette condizioni o infiltrazioni provenienti dal tetto, finestre o pareti, oppure in seguito a guasti dell’impianto idrico (i più frequenti e noiosi poiché non è immediato capire da dove provengano).

Come proteggersi quindi da eventi catastrofali e danni da acqua?

Per sapere se l’area in cui abitiamo è a rischio, l’Istat ha messo a disposizione una “Mappa dei rischi dei comuni italiani” che riporta la situazioni di oltre 8.000 comuni italiani. Per i titolari di imprese, invece, uno strumento utile è Derris, un progetto europeo lanciato nel 2015 che mette a disposizione delle PMI uno strumento di auto-valutazione dei rischi.

Infine, sia per gli eventi meteorologici eccezionali che per quelli meno gravi, la scelta più saggia è quella di sottoscrivere per la propria abitazione o azienda una polizza assicurativa di ultima generazione, in grado di mettere a disposizione tecnologie innovative e tecnici esperti pronti a risolvere il problema nel minor tempo possibile.

Per maggiori informazioni sui prodotti assicurativi più adatti a te, contattaci al numero 800.820.820 o alla mail info@roveda.it e richiedi senza impegno la tua consulenza gratuita.